Come valorizzare il gioco d’azzardo dell’ippica

Non vi è alcun dubbio: il rilancio del settore ippico sarà difficilissimo e le problematiche sono tante ed immense. Imprenditori Ippici Italiani intendono lanciare un forte messaggio al Ministro Martina: per rilanciare il settore la parola d’ordine è applicare rigorosamente il codice etico e tornare ad essere una filiera dove si rispettano le regole. Questo è un punto cardine che servirà per ripartire e dare ordine e certezza al comparto. Il prossimo lunedì ci sarà un incontro dove tutti i soci saranno sensibilizzati e responsabilizzati ulteriormente principalmente sul tema del rispetto, tutti devono assolutamente fare autocritica per iniziare immediatamente un nuovo corso dove la correttezza e la rettitudine devono essere i caposaldi del “nuovo cammino dell’ippica”.

La riflessione profonda e l’autocritica devono essere basilari per pensare di riformare il settore: rilanciare la raccolta delle scommesse ippiche si può fare ma prima bisogna cambiare il comportamento interno del settore e rientrare in una normalità disciplinare. Troppi personaggi di questo settore stanno vivendo un momento cruciale e non vi potrà essere un futuro “sereno” se non si “cambia marcia” e se non si ritornerà alla rettitudine: obbiettivamente l’ippica deve ritornare ai fasti del passato senza vecchi “giochetti” del passato: legalità e risultati economici vanno di pari passo e sono imprescindibili per buoni risultati. Si dovrà fare senza il sostegno economico dello Stato: ma quando di quattrini ve ne erano davvero tanti come sono stati spesi e come sono stati distribuiti? Una profonda autocritica è assolutamente necessaria ed indispensabile!